tropea-LS-logo-550x400_c

12 – 17 Ottobre 2015

scarica il programma

IL PROGRAMMA

LUNEDI’ 12 OTTOBRE
12 Ottobre – Ore 10.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Inaugurazione. Intervengono Dott. Elio Costa – Sindaco di Vibo Valentia, Dott. Giuseppe Navarra – Presidente del Sistema Bibliotecario Vibonese, Prof. Antonio Viscomi – Vice Presidente della Giunta Regionale della Calabria, On. Anna Rossomando – Segretario Ufficio di Presidenza Camera dei Deputati, Gilberto Floriani e Maria Teresa Marzano – Direttori artistici Tropea Festival Leggere&Scrivere, Autorità locali e Dirigenti scolastici.
Inaugurazione delle mostre

12 Ottobre – Ore 11.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Marco Rossi Doria presenta “La scuola è mondo. Conversazioni su strada e istituzioni” (EGA-Edizioni Gruppo Abele, 2015). Introduce Gilberto Floriani
“Quando uno fa l’insegnante, in particolare se fa il maestro elementare, l’aspetto prevalente del mestiere riguarda la quotidianità della relazione educativa e dell’apprendimento dei bambini: come stanno, a quali azioni e rituali partecipano, quali operazioni mentali, fisiche e emotive svolgono con gli altri e da soli, che cosa e come imparano… Ti svegli la mattina, vai a scuola, stai con i ragazzini in una classe, non una tantum o per un periodo, ma ogni giorno e per anni; e fai, osservi, ascolti, proponi, porti avanti, come adulto esperto di apprendimento che guida bambini a imparare. Nel fare questo – è inevitabile e anche molto bello – continui a imparare a tua volta e devi lasciare che ciò avvenga, accoglierlo. Sei ogni volta un teorico in azione e un pratico che si chiede se va bene o no, che aggiusta il tiro, corregge, aggiunge, toglie”. In queste parole c’è la filosofia e la guida dell’appassionante viaggio di Marco Rossi-Doria nella nostra scuola. Com’è. E come dovrebbe essere.
Sezione “Calabria, Fabbrica di Cultura”

12 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Attenti al Sud. Incontro con Pippo Callipo, Maurizio De Giovanni, Mimmo Gangemi e Raffaele Nigro. Modera Michela Felicetti
Una tavola rotonda per riportare l’attenzione su luci e ombre del nostro mezzogiorno. Quattro testimoni d’eccezione, scrittori e conoscitori di un territorio sempre più raccontato eppure non abbastanza conosciuto nelle sue ferite e nelle sue potenzialità.
Sezione “Calabria, Fabbrica di Cultura”

12 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Presentazione del volume “Bianco, 10 motivi per colorare la tua vita” (Viola editrice) di Daniela De Luca e del volume “Cambiar pelle” (Liber factory, 2013) di Angela Zaffina. Conversa con le autrici Anna Gioia Gaglianò
“Bianco, 10 motivi per colorare la tua vita” è un saggio scritto per i giovani italiani da una coetanea, per attirare la loro attenzione con poche parole ma efficaci, ponendo un accento positivo su valori come la famiglia, la giustizia, l’onestà.
“Cambiar pelle” Frammenti di vita di una donna nel sud Italia, che scopre e svela a se stessa il segreto di tutte le cure per le malattie che colpiscono la mente e l’anima, senza mai aver paura di percorrere gli impervi sentieri che portano alla Conoscenza.
Sezione “Una Regione per Leggere”

12 Ottobre – Ore 17.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Paolo Di Stefano presenta “Ogni altra vita” (Il Saggiatore, 2015). Conversa con l’autore Lionella Maria Morano
Il ventennio fascista, gli anni sessanta e settanta delle proteste studentesche, e poi i decenni a noi più vicini, quelli in cui la Storia si fa storia, cronaca o memoria commossa di chi c’era e ricorda chi invece non c’è più. Con la grazia lieve e limpida che da sempre caratterizza la sua scrittura, Di Stefano scova in ogni minuta vicenda personale quel frammento di universalità che a ogni pagina ci fa riconoscere nei suoi protagonisti e nell’autore stesso.
Sezione “Una Regione per Leggere”

12 Ottobre – Ore 17.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Attualità del messaggio dei profeti biblici. Ne discutono Vincenzo Lo Passo, Gaetano Currà e Filippo Ramondino.
Spiegazione del termine “profeta”. I contenuti centrali del messaggio dei profeti: il monoteismo, l’attesa della salvezza, il Messia, la dottrina morale e la critica sociale. Il profeta Geremia, attivo a Gerusalemme tra il 627 e il 587 a.C. In che senso i profeti biblici possono oggi parlare alla società e dare un contributo al progresso civile e religioso.
Sezione “Calabria, Fabbrica di Cultura”

12 Ottobre – Ore 17.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
Tutela e Valorizzazione del Patrimonio Culturale ed Archeologico Calabrese. A cura dell’Associazione Culturale Mnemosyne. Intervengono Fabrizio Sudano e Alessandro D’Alessio. Modera Ignazio D’Angelo
I recenti rinvenimenti di strutture, contesti e reperti di età romana a Sibari, riferibili alla città di Copia Thurii, gettano ampia luce su un aspetto ancora poco noto eppur altamente significativo della storia e della cultura architettonica di età imperiale nel Bruzio, esemplificando al contempo forme e modalità religiose, “politiche” e sociali. L’incontro darà conto di tali acquisizioni, alludendo anche al loro valore in termini di valorizzazione e promozione del patrimonio archeologico regionale.
Sezione “Calabria, Fabbrica di Cultura”

12 Ottobre – Ore 18.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Maurizio De Giovanni presenta “Anime di vetro. Falene per il commissario Ricciardi” (Einaudi, 2015). Conversa con l’autore Giovanni Choukhadarian
Maurizio De Giovanni ci regala la meraviglia di un romanzo in cui le anime di ciascuno si rivelano fatte di vetro: facili a rompersi in mille pezzi, lasciano trasparire la fiamma che affascina e talvolta danna, e occorre allora il sacrificio della rinuncia, che può apparire incomprensibile ed esporre alla vendetta. Un congegno narrativo delicato e struggente, vertiginoso e semplice, che spinge Ricciardi su strade rischiose. E lo costringe a fare i conti con sé stesso e i propri sentimenti. Mentre le pagine sembrano assumere la voce di una delle più celebri canzoni partenopee, per carpirne il più nascosto segreto.
Sezione “Una Regione per Leggere”

12 Ottobre – Ore 18.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Carlo Scalfaro presenta “Una sera di luglio. Memorie di un comunista calabrese” (Città del Sole, 2015). Conversano con l’autore Mario Oliverio, Raffaele Mammoliti e Filippo Veltri
«Sono stato un comunista e ancora oggi, in larga misura, il metodo di analisi marxiana presiede il mio punto di osservazione sulla realtà che mi circonda. Per questo non mi sono mai davvero ritenuto uno sconfitto, pur sapendo bene che la battaglia per un mondo nuovo è stata irrimediabilmente perduta […]. Io però ho pensato sempre storicamente, e la storia non si ferma».
Sezione “Una Regione per Leggere”

12 Ottobre – Ore 18.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
Rosario De Luca presenta “Lavoro e professioni nell’era dei social media”(Novecento Media, 2014). Conversa con l’autore Giuseppe Borello
Comunicare significa cercare di stare avanti agli altri almeno di un passo e avere una voce che si staglia sulle altre almeno di un poco. L’Era della Comunicazione non è solo un periodo storico che ci mette a disposizione straordinari mezzi di comunicazione (il web, la telefonia mobile, la riproduzione di immagini in digitale e altro ancora), ma è anche un momento in cui questi mezzi di comunicazione si sovraccaricano con estrema facilità. E se tutti comunicano senza sosta, si rischia di sprofondare in un intollerabile brusio diffuso. Come cogliere, quindi, l’attenzione? Come lasciare il segno?
Sezione “Una Regione per Leggere”

12 Ottobre – Ore 19.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Enrico David Santori presenta “Il nero e il bianco” (Magi Edizioni, 2015). Reading di Gabriella Pession
Una piccola città del Sud. Cinque donne di età ed esperienze diverse. Uno psicoterapeuta che viene da fuori. È il settimo incontro e, senza concordarlo prima, tutte arrivano vestite di nero e di bianco. Come mai? Un libro che parla di psicoterapia e di ricerca di senso.
Sezione “Una Regione per Leggere”

12 Ottobre – Ore 19.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Danilo Gatto presenta “Basta tarantelle. Antropologia della nuova musica popolare” (Aracne, 2014). Conversa con l’autore Corrado Landolina
Oggi sembra esplosa ovunque una voglia matta di tarantelle. Dopo un lungo periodo di oblio se non di vergogna, nessun festival ne può fare a meno, i gruppi sorgono a decine, sindaci e assessori sgomitano per organizzare eventi all’insegna della riscoperta delle tradizioni. La musica popolare sembra dunque aver conquistato quello spazio che non aveva mai avuto. Ma cosa c’è dietro tutto questo movimento? Quali sono gli attori, gli interessi e le dinamiche che vi sottendono? In questo lavoro se ne ripercorrono le storie, le tendenze, i nuovi miti e le culture di fondo, elaborando alcune risposte che certamente non passeranno inosservate.
Sezione “Carta Canta”

12 Ottobre – Ore 21.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
I Parafonè presentano il nuovo album “AMISTA’”. Intervista di Danilo Gatto
Amistà è un inno all’amicizia, alla fusione di culture diverse, alla ricerca costante della libertà. Nel nuovo disco, i Parafoné propongono il tema dell’incontro tra persone, tra popoli, tra paesi, tra religioni. Il pezzo che intitola il disco, racchiude un pensiero globale, che abbraccia i popoli di tutto il mondo: un sogno, più verosimilmente un’utopia.
Sezione “Carta Canta”

MARTEDI’ 13 OTTOBRE

13 Ottobre – Ore 10.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Stenio Stenio Solinas presenta “Il Corsaro nero. Henry de Monfreid, l’ultimo avventuriero” (Neri Pozza,2015). Conversano con l’autore Marianna Adilardi e Manuel Maria Grillo
Henry de Monfreid (1879-1974) è stato l’ultimo, e il più straordinario, scrittore-avventuriero del Novecento. Trafficante d’armi, di perle e di stupefacenti, fumatore d’oppio, pirata in rivolta contro l’arroganza coloniale francese, fece del Mar Rosso il suo terreno d’azione e di elezione. Avvalendosi di documenti d’archivio inediti, Stenio Solinas traccia in questo libro il ritratto di una figura d’eccezione, un “anti-Rimbaud” che imparò a scrivere vivendo, e in controluce racconta gli splendori e le miserie della colonizzazione africana.
Sezione “Una Regione per Leggere” 

13 Ottobre – Ore 10.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
‘Da Ecuba alla Figlia di Jefte: invenzioni musicali calabresi nella Napoli dell’Ottocento, i casi di Manfroce e Miceli’ (Istituto di bibliografia musicale calabrese). Intervengono  Maria Paola Borsetta, Massimo Distilo, Markus Engelhardt e Agostino Ziino. Modera Annunziato Pugliese
Nicola Antonio Manfroce e la musica a Napoli tra Sette e Ottocento. Atti del convegno internazionale di studi, Palmi 29-30 novembre 22013, a cura di Maria Paola Borsetta, Massimo Distilo e Annunziato Pugliese, Vibo valentia, Istituto di bibliografia musicale calabrese, 2014;
Giorgio Miceli e la musica nel Mezzogiorno d’Italia nell’Ottocento. Atti del convegno internazionale di studi, Arcavacata di Rende 3-5 dicembre 2004, a cura di Maria Paola Borsetta e Annunziato Pugliese, Vibo valentia, Istituto di bibliografia musicale calabrese, 2012.
Due volumi, che raccolgono un buon numero di saggi di vari studiosi, dedicati a due figure ancora non del tutto note al grande pubblico dei musicofili. Nicola Antonio Manfroce e Giorgio Miceli, compositori calabresi che operarono prevalentemente nella Napoli ottocentesca, napoleonica, borbonica e poi savoiarda.. Il tempo e questi volumi ci restituiscono le loro storie contrastate e il pregio creativo della loro arte.
Sezione “Carta Canta”

13 Ottobre – Ore 11.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
“Beauty is difficult, Yeats. Dov’è finito il bello?” a cura di Vincenzo Santarcangelo. Introduce Annabella Panzino
«Il bello, è difficile, Yeats», disse Aubrey Beardsley quando Yeats gli chiese perché disegnava quegli orrori. Il bello sembra essere scomparso dai musei che espongono arte visiva, eppure siamo bombardati dal bello. In TV, nelle vetrine dei negozi, sugli schermi dei nostri computer, sulle nostre scrivanie: siamo attorniati da oggetti, immagini e atmosfere molto o mediamente belle. Attraverso una ricognizione della teoria del bello che parte dal triangolo intellettuale Pound – Beardsley – Yeats, riparte da Platone e arriva alla neuroestetica passando ovviamente per Kant, la lectio cercherà di capire dove è possibile scovare il bello al giorno d’oggi.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

13 Ottobre – Ore 11.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Quando i sogni impossibili diventano realtà 
Mara Francese presenta “ricette sognate” (sabbiarossa, 2014) con Erasmo Maiullari
Sogni racchiusi in un libro che va oltre i disegni realizzati dai bimbi degenti nella divisione di Chirurgia Pediatrica dell’Ospedale infantile Regina Margherita di Torino, come racconterà Erasmo Maiullari, chirurgo co-primario del reparto, insieme a Mara Francese, docente di antropologia all’Università di Torino e curatrice del volume. C’è tutto l’amore dei medici del reparto che hanno cercato e trovato un modo alternativo per far sentire loro il gusto delle ricette sognate, ci sono segni e colori, per ritrovare sulla carta i profumi e i sapori del cibo negato. 73 disegni del piatto preferito. Ciascuno con un suo stile. Ciascuno con un suo gusto. 73 sogni che prendono la forma di salse e condimenti, antipasti, primi piatti, pizze e prodotti da forno, secondi piatti, verdure, dolci.  73 modi diversi di rappresentare il sogno negato: il cibo vietato dallo stretto regime alimentare pre e post operatorio.
Sezione “Nutri-Menti”

13 Ottobre – Ore 11.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
Pino Paolillo presenta “Incontri bestiali. Avventure di un naturalista di strada” (Orme Editori, 2015). Conversa con l’autore Guglielmo Galasso
Il libro di Giuseppe Paolillo, edito da Orme, nasce dalla concreta esperienza dell’autore, da decenni impegnato in attività di difesa del patrimonio faunistico e ambientale tout court. In queste pagine, spesso percorse da una vena di ironia e caratterizzate da un’apprezzabile verve stilistica, trova spazio la descrizione dei vari “incontri bestiali” succedutisi nel lungo percorso di vita del narratore, in un vasto campionario zoologico che comprende mammiferi e rettili, creature del cielo ed esseri del mare, animali più comuni e specie, invece, poco note al vasto pubblico.
Sezione “Una Regione per Leggere”

13 Ottobre – Ore 12.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Lou Palanca presenta “Ti ho vista che ridevi” (Rubbettino, 2015). Licia Bevilacqua conversa con gli autori
Negli anni ‘60 un’emigrazione individuale femminile raggiunge dal Sud il territorio delle Langhe, che le contadine stanno abbandonando per trovare la propria emancipazione nelle città. È un’emigrazione matrimoniale, che porta le “calabrotte” all’impatto con una lingua e un sistema di relazioni sociali differenti da quelli dei paesi d’origine. Ti ho vista che ridevi racconta una di queste storie. Dora è costretta ad emigrare da Riace per sposare un contadino delle Langhe e lascia alle cure della sorella il figlio che non doveva nascere. Quando scoprirà la verità, Luigi si metterà alla ricerca delle origini, della propria madre, dell’autenticità della propria biografia.
Sezione “Una Regione per Leggere”

13 Ottobre – Ore 12.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Ippolita Luzzo presenta “Litweb. Come leggere i libri”. Conversa con l’autrice Lionella Maria Morano. Assegnazione dei premi ai vincitori del Concorso Letterario “Quel libro nel cassetto”
“Litweb. Come leggere i libri”
Raccolta di recensioni di autori sconosciuti oppure famosi, alcuni premiati col Nobel come Modiano ed altri ottimi esordienti. Autrici conosciute come Michela Marzano e scrittori segnalati al premio Calvino, tutti accomunati dalla scelta di una lettrice curiosa. Libri amati nel regno di una letteratura web, un luogo nel quale l’autrice delle recensioni vorrebbe conservare un briciolo di libertà.
“Un libro nel cassetto”
L’evento vedrà l’assegnazione dei premi ai vincitori del Concorso letterario “Quel libro nel cassetto” riservato a opere edite ed inedite in lingua italiana. Il concorso, organizzato dalla Fondazione Nicola Liotti in collaborazione con la pagina Facebook “Cose da lettori”, ha voluto offrire l’occasione a scrittori di ogni parte d’Italia di veder riconosciuto il proprio talento. “Quel libro nel cassetto” nasce dal desiderio di consentire a scrittori di ogni età di rispolverare quel racconto, nascosto in un angolo del loro cuore, e dar loro la possibilità di veder pubblicata la propria opera
Sezione “Una Regione per Leggere”

13 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Vito Teti presenta “Terra inquieta. Per un’antropologia dell’erranza meridionale” (Rubbettino, 2015). Conversa con l’autore Anna Melecrinis
Vito Teti ha sempre un viaggio da raccontare, un volto nascosto da nominare tra le righe di un saggio, un ritaglio di vita minuta da incorniciare con tutte le sue coloriture. Terra inquieta è un libro che è tanti libri insieme, e tutti servono a qualcosa: uno racconta di calabrie mobili che crollano e franano; l’altro di uomini che cercando l’America incontrano la Storia; così nasce questo racconto di linee che ricostruisce la necessità e l’ossessione per la mobilità di una regione contadina spezzata dalle catastrofi ed eternata dal tempo circolare dei greci.
Sezione “Calabria, Fabbrica di Cultura”

13 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Presentazione del volume “Appassionate” (Narcissus) di Filomena Pucci. L’autrice conversa con Silvio Colloca
Un reportage narrativo, partito dalla scoperta di un numero che in pochi conoscono. Nel nostro paese le imprenditrici, le donne creatrice d’impresa, sono più di 1 milione e 600 mila, su un totale di 6 milioni di aziende. Il viaggio di Appassionate è nato dalla volontà di una donna non ancora quarantenne, di incontrare dieci di queste imprenditrici e chiedere loro come hanno fatto a trasformare la loro passione in un’impresa. Dieci imprenditrici eccellenti, alcune molto solide ma non ancora finite sulle copertine dei giornali.
Sezione “Una Regione per Leggere”

13 Ottobre – Ore 17.00 –Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Diego Cugia presenta “Nessuno può sfrattarci dalle stelle” (Mondadori, 2015). Conversa con l’autore Giorgia Ballanti
La notte in cui Mandela muore in Sudafrica, Massimo Pietro Cruz è uno dei centoventi milioni di europei caduti in povertà. Dopo un passato come autore di musical e varietà televisivi ha perso tutto. Ora è solo, in un casale nel bosco, con l’unica compagnia di due cani lupo e una pecora, ad aspettare che, all’alba, il padrone di casa e l’ufficiale giudiziario arrivino a rendere esecutivo lo sfratto. Improvvisamente, sente un rumore al piano di sotto. Scende le scale e trova un piccolo intruso. Sulle prime pensa a un ladruncolo. Ma chi è davvero quel ragazzino che dice di chiamarsi come lui e sogna di scrivere il romanzo di un bambino che incontra se stesso a sessant’anni per scoprire come sarà da grande? E quella del piccolo sosia non è che la prima delle imprevedibili visite che Massimo Pietro riceverà quella notte… 
Sezione “Una Regione per Leggere”

13 Ottobre – Ore 17.00 –Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Daniele Comberiati presenta Vie di fuga (Besa, 2015). Conversa con l’autore Eleonora Cannatelli
Matteo Bertola, necrografo precario romano, è inviato nella Sila calabrese, a Petilia Policastro, per scrivere un epitaffio su due morti che hanno deciso, per un antico patto, di farsi seppellire insieme.
E sarà proprio per comprendere l’antico patto che lega i due uomini che Matteo si addentrerà in una Sila inaspettata e in un paese in cui tutti, solo apparentemente, hanno scelto di dimenticare.
Sezione “Una Regione per Leggere”

13 Ottobre – Ore 17.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
{movimentomilc} presenta i cortometraggi “Ritratti” e “Méduses”. I registi Michele Tarzia e Vincenzo Vecchio conversano con Luca Biagi
Emigrazione e immigrazione. Il viaggio è una costante interazione e un collegamento immaginario tra luoghi differenti, ma uguali nel loro isolamento, sia esso una scelta o una costrizione. Due film di montaggio che mescolano non solo vite reali, ma anche percorsi immaginari creati dalle possibilità del viaggio.
Sezione “Calabria, fabbrica di cultura”

13 Ottobre – Ore 18.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Gianna Garbelli presenta “Il fighter d’Italia Giancarlo Garbelli”( RAI-ERI, 2015) . Conversa con l’autrice Pierpaolo Cambareri
Biografia-romanzo, storia umana e sportiva del più grande Campione di Pugilato Italiano di sempre, scritta da sua figlia Gianna Garbelli. Il libro attraversa il ‘900 sino ai giorni nostri con tutto il peso eccezionale dell’anima di questo grande campione, tra i grandissimi nel mondo.
Sezione “Una Regione per Leggere”

13 Ottobre – Ore 19.00 –Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Forever Young con Gianluca Veltri, Massimo Garritano, Dario Costa
Un omaggio musicale al cantautore canadese Neil Young, nell’anno del suo 70esimo compleanno. Padrino riconosciuto di varie scene musicali (country alternativo, punk, grunge, nuovo folk, noise), Young viene riletto in un tributo affettuoso da un atipico, ma affiatato, duo cosentino: il chitarrista Massimo Garritano e il giornalista-critico Gianluca Veltri. I brani del duo saranno intercalati da monologhi dell’attore Dario Costa, tratti dall’autobiografia di Neil Young, Il sogno di un hippie.
Sezione “Carta Canta”

13 Ottobre – Ore 19.00 –Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Franco Bergoglio presenta “Sassofoni e pistole. Storia delle relazioni pericolose tra jazz e romanzo poliziesco” (Arcana, 2015). Conversa con l’autore Giovanni De Sossi
Cosa unisce Andrea Camilleri, Raymond Chandler, Michael Connelly, James Ellroy, Giorgio Faletti, Patricia Highsmith, Stephen King, Georges Simenon, Carlo Lucarelli, Jean Claude Izzo, e molti, molti altri? Elementare, Watson: gli oltre trecento scrittori approfonditi in questo volume hanno introdotto del jazz nei loro romanzi noir. Sassofoni e pistole racconta la storia della musica preferita dagli autori di thriller di ieri e di oggi; di sparatorie a ritmo swing, detective che si esercitano al sassofono invece che con la pistola, cantanti platinate e ispettori fanatici di Miles Davis.
Sezione “Carta Canta”

13 Ottobre – Ore 20.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Nicola Gratteri presenta “Oro bianco” (Mondadori, 2015). Conversa con l’autore Paola Bottero
Secondo l’Unodc, l’ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine, nel 2012 nel mondo 243 milioni di persone fra i 15 e i 64 anni hanno assunto almeno una volta sostanze illecite. Fra tutte, la cocaina è la più richiesta e la più venduta dalla ‘ndrangheta. Per i boss della mafia calabrese, la “neve” è profitto, guadagno, flusso costante di liquidità che capovolge il pensiero economico classico, secondo cui la criminalità non “produce” perché distrugge, e non genera ricchezza. In queste pagine, frutto di un lavoro di ricerca e sul campo senza precedenti, Nicola Gratteri e Antonio Nicaso ricostruiscono i grandi traffici di cocaina nel mondo in un viaggio che dalla Colombia ci porta fino in Calabria, seguendo le tappe del business planetario che arricchisce i narcotrafficanti, impoverisce e uccide i tossicodipendenti, contamina il sistema bancario, corrompe le classi dirigenti.
Sezione “Una Regione per leggere”

13 Ottobre – Ore 20.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Dejavù presentano l’album “Apparente” (Hydra Music). Conversano con Daniela Rabia
“Apparente” è una raccolta di stati d’animo già vissuti o immaginati inconsciamente. Gli undici brani dell’album trattano le esperienze della vita, e raccontano l’amore e il forte legame per la terra d’origine, la Calabria. Lo stile di questo disegno musicale è un rock melodico, spesso legato alla tradizione cantautorale.
Sezione “Carta Canta”

13 Ottobre – Ore 21.30 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
“8 storie poco standard” un concerto narrativo con Monica Demuru, Raffaello Pareti e Alessandro Marzi
Il jazz del’900 si concentra su un ristretto repertorio di canzoni: nasce lo Standard. Ogni standard ha una storia da raccontare e si alimenta con la storia stessa declinandosi in mille e mille mondi, sonori e poetici, musicali e letterari. Scavare la storia degli standard è leggerli da una diversa angolazione, ponendo così la canzone in un luogo ancora da esplorare. Le canzoni si protendono indietro e in avanti. Monica Demuru, Raffaello Pareti e Alessandro Marzi, con la regia di Annalisa Bianco, immaginano nella estrema semplicità di voce, contrabbasso e batteria la storia non lineare e personale, affascinante e sorprendente di alcuni di questi standard.
Sezione “Carta Canta”

MERCOLEDI’ 14 OTTOBRE

14 Ottobre – Ore 9.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Elena Kedros presenta “La vendetta di Robin” (Mondadori, 2015). Conversa con l’autrice Rosaria Galloro
Il pozzo del clan viene avvelenato da un alchimista di passaggio e Ewart, che ne beve l’acqua, è in fin di vita. Patrick fa ricadere la colpa su Robin che, delusa, abbandona il clan. Solo Robert va a cercarla nella foresta, e il loro incontro sarà suggellato da un bacio. La vendetta va consumata, così Robert, Robin e un redivivo Ewart riescono a rintracciare l’alchimista.
Sezione “Una Regione per Leggere”

14 Ottobre – Ore 9.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Ulderico Nisticò presenta “Storia delle Italie dal 1734 al 1870, con un Antefatto e un Epilogo” (Città del Sole editrice, 2012) conversa con l’autore Maurizio Bonanno
Uscita volutamente a ricorrenza finita, questa Storia delle Italie non si prefigge di scoprire nulla di nuovo, ma di narrare i fatti con un linguaggio interpretativo inconsueto. Quello che la vulgata ottocentesca chiama “dominio spagnolo” diviene “il Regno di Napoli nella confederazione castigliana”; quello che viene presentato come “i Francesi portarono le idee di libertà”, Nisticò lo ritiene “perdita dell’indipendenza ottenuta con la battaglia di Bitonto del 1734”; e le tre “guerre di indipendenza” sono chiamate “colpi di mano” per dar vita ad un’Italia unitaria che è una delle diverse possibili “Italie” confederali o federali. Senza alcun entusiasmo nei confronti delle proclamazioni risorgimentali, il libro non è tenero con le debolezze politiche del Meridione; e non indulge a fantasie di “potenze industriali”. Avverte Nisticò che “in tutta la Penisola c’erano nel 1860 meno fabbriche che nella sola Manchester”. Qual è dunque lo scopo di scrivere una storia così priva di ideologie e attenta ai meri fatti? Secondo Nisticò, quello di costringere gli Italiani alla verità, che è tutt’altro che esaltante, ma utile a conoscere, con il passato, il presente.
Sezione “Una Regione per Leggere”

14 Ottobre – Ore 9.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
Proiezione del film “Le quattro volte” di Michelangelo Frammartino. Il regista Michelangelo Frammartino e il direttore di produzione Marco Serrecchia conversano con Luca Biagi 
Un vecchio pastore ammalato conduce con fatica le sue capre al pascolo sui monti della Calabria. La cura che ogni sera beve è data da della terra argillosa che una donna gli consegna nella sacrestia della chiesa dopo averla benedetta e incartata in una striscia di giornale. Una capretta nasce e con fatica muove i suoi primi passi nella vita. Una sacra rappresentazione della Passione di Cristo percorre la via centrale del paese; Un albero della cuccagna viene issato. Il tempo scorre. Michelangelo Frammartino, a sette anni di distanza da “Il dono”, torna a leggere e a proporci il volto antico della Calabria.
Sezione “Calabria, fabbrica di cultura”

14 Ottobre – Ore 10.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
“Chimica: scienza e sviluppo” Lectio Magistralis di Luciano Caglioti. Introduce Teresa Goffredo. Interviene Elio Costa, Sindaco della Città di Vibo Valentia
Sezione “Calabria, fabbrica di cultura”

14 Ottobre – Ore 10.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Dova Cahan presenta “Un Askenazita tra Romania ed Eritrea” (GDS, 2010). Interviene Roque Pugliese. Modera Licia Bevilacqua 
Dova Cahan ha ricostruito la storia della sua famiglia, e in particolare quella di suo padre Herscu Saim Cahan. Attivo sionista, un organizzatore del movimento della gioventù ebraica “Hanoar Hazioni”, impegnato nel salvataggio degli ebrei perseguitati in Romania, dopo mille peripezie trova riparo in Eritrea dove fonda una fabbrica di carne kasher. Forte in questo campo imprenditoriale il suo legame culturale e commerciale con l’Italia essendo egli il produttore della rinomata carne in scatola per l’esportazione “Montana”.
Sezione “Una Regione per Leggere”

14 Ottobre – Ore 11.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
“Calabria, miraggi e paesaggi” Francesco Bevilacqua conversa con Raffaele Suppa
La Calabria è un paesaggio irrealizzato. Tanto dovremmo affermare se volessimo parafrasare il principio di individuazione di Carl Gustav Jung e la trasposizione dagli uomini ai luoghi che ne fa Christian Norberg-Schulz. Terra di conquista e di transito, sottoposta a saccheggi umani e a catastrofi naturali, destinata ad un eterno “feudalesimo” (prima quello storico e poi quello morale), la Calabria, mai come negli ultimi centocinquant’anni, è stata oggetto di miraggi: l’unità, l’industrializzazione, lo sviluppo, le fughe, le nostalgie, le rivendicazioni identitarie, l’emancipazione, la secessione. Ma in questo utopismo magmatico di miraggi, allora, contrapponiamo i paesaggi.
Sezione “Calabria. Fabbrica di cultura”

14 Ottobre – Ore 11.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
La biblioteca nell’epoca digitale. Nuovi paradigmi, nuovi concetti di servizio, nuovi ruoli del bibliotecario. Ne discutono Klaus Kempf e Raffaele Tarantino
L’avvento dell’epoca digitale, l’invenzione ed il trionfo quotidiano d’Internet, stanno fortemente cambiando la nostra vita e la nostra società. È una vera e propria “rivoluzione di cultura” che riguarda anche le nostre abitudini d’informarsi, di studiare e di leggere. Pure una istituzione millenaria, come la biblioteca non può sottrarsi a questo profondo processo di cambiamento. Anzi: oggi biblioteche e bibliotecari si trovano tra i pionieri ed i protagonisti del nuovo e i loro paradigmi sono completamente cambiati. Al centro delle attività di una biblioteca non c’è solo più il proprio patrimonio bibliografico, la sua crescita e la sua cura ma anche lo sviluppo e l’erogazione di servizi sempre più variegati secondo gli altrettanto sempre più distinti fabbisogni d’informazione nel senso vasto della parola del singolo utente.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

14 Ottobre – Ore 12.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Vito Teti presenta “Storia del peperoncino. Cibi, simboli e culture tra Mediterraneo e mondo” (Donzelli, 2015). Conversano con l’autore Luciana Restuccia e Giuseppe Adilardi
Cristoforo Colombo cercava le Indie e scoprì l’America. Cercava una nuova via delle spezie e trovò i luoghi del peperoncino. Vito Teti ripercorre l’affascinante vicenda di una delle spezie oggi più amate, soprattutto nel nostro Mezzogiorno, così diffusa da essere elevata a simbolo di un’identità, più figurata che reale, in regioni come la Calabria, dove il peperoncino entra, anche in quantità talora eccessive, in moltissime preparazioni. Da «straniero» quale era, il peperoncino, dunque, non solo si è perfettamente integrato, ma è diventato perfino l’emblema della cucina «locale» che l’autore di questo prezioso volume ci invita a immaginare come un terreno di contaminazioni, non solo di sapori e di aromi, ma soprattutto di culture.
Sezione “Nutri-Menti”

14 Ottobre – Ore 12.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Francesco Nicolino presenta “Gli Angeli non sono tutti bianchi” (Carabba, 2015). Conversa con l’autore Luisa Vitale
L’Eritrea è una prigione a cielo aperto dove regna un regime militare dispotico. Ogni giorno centinaia di eritrei scappano dal paese nel tentativo di raggiungere le coste nord africane per imbarcarsi verso l’Europa. Molti di loro muoio nel deserto o annegano durante la traversata del Mediterraneo. Un gruppo di giovani di Agordat, piccola città eritrea, bruciano la frontiera e attraversano le vie della morte, che dal campo profughi di Shagarab passano per Khartoum, i deserti del Sahara e del Sinai sino alle coste libiche. Tra loro Maryam, una ragazza decisa ad attraversare il mare per dare un futuro al bambino che porta in grembo.
Sezione “Calabria. Fabbrica di cultura”

14 Ottobre – Ore 13.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
“Il cibo tra sapere e sapore” a cura di Ernesta Pasquale dell’Accademia italiana della cucina – Delegazione di Vibo Valentia.

“Le diverse varietà di fagioli nel territorio vibonese”. Intervengono Antonino Schinella – Sindaco di Arena, Pasquale Caparra – Sindaco di Zaccanopoli, Vincenzo Filardo – Coop. di comunità “Terre Normanne di Calabria”

Segue degustazione di pasta e fagioli preparata con materie prime provenienti dal territorio vibonese
Sezione “Nutri-Menti”

14 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Nuccio Ordine presenta “Tre corone per un re. L’impresa di Enrico III e i suoi misteri” (Bompiani, 2015). Conversa con l’autore Giovanni Choukhadarian
Nuccio Ordine conduce un’appassionante inchiesta nelle raccolte di emblemi e di imprese; scruta dediche, corrispondenze, ritratti, documenti diplomatici, testi letterari e filosofici; analizza le feste e i balletti, le marche tipografiche, le rilegature, le entrate trionfali di re e regine. Esplorando gli ambienti artistici e letterari francesi e inglesi, Ordine cerca di ricostruire la fitta rete di allusioni e di rapporti che unisce la corte del re di Francia a quelle della regina Elisabetta I e Maria Stuarda in un percorso tra testi e immagini in compagnia di grandi figure del mondo intellettuale cinquecentesco…
Sezione “Calabria, Fabbrica di Cultura”

14 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Franco Cimino presenta “L’utopia della politica” (Cittacalabria Edizioni, 2014). Conversa con l’autore Tonino Fortuna
I lettori di questo libro conosceranno o ritroveranno una voce familiare, un opinionista che, con le armi della pacatezza e anche, quando serve, dell’indignazione, li accompagna tra le storie e i personaggi del nostro tempo commentando e analizzando gli argomenti più vari dell’Italia e del mondo, senza alcuna traccia di approssimazione o banalità
Sezione “Una Regione per Leggere”

14 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
Maria Concetta Preta presenta “Angela La Malandrina – Storia di brigantaggio e libertà” (You Can Print). Felice Foresta presenta “Il faggio che sposò la luna” (Tra Le righe libri, 2015). Conversa con gli autori Alessandra Scriva
“Angela La Malandrina – Storia di brigantaggio e libertà” è un monologo-confessione in cui la protagonista, una contadina calabrese della seconda metà dell’800, fuggita da casa per disperazione, si dà alla macchia consegnandosi ad una banda di briganti che infestano la Sila, “Gran bosco d’Italia”.
“Il faggio che sposò la luna” Che l’uomo sia un umile impasto di terra, lo dice il Libro per eccellenza. Che in quell’alchemica mistura di polvere, sangue e lacrime, si sedimentino indissolubilmente anche voci, gesti, profumi e liturgie della propria terra, amata o odiata che sia, tutto ciò, invece, lo rivela questo romanzo. E più di tutti, lo racconta il protagonista, Giancarlo Morabito, docente di Botanica Farmaceutica all’Università di Agraria di Piacenza che, una mattina di settembre, vede proiettare su un vecchio specchio di famiglia le vicende della sua vita.
Sezione “Una Regione per leggere”

14 Ottobre – Ore 17.30 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
“L’uomo nell’età della tecnica” Lectio Magistralis di Umberto Galimberti. Introduce Caterina Villì
L’incontro vuole evidenziare la trasformazione che subisce l’uomo nell’età della tecnica, di cui siamo tutti scarsamente consapevoli, perché continuiamo a pensare la tecnica come uno strumento a nostra disposizione, mentre la tecnica (e non più la natura) è diventata l’ambiente che ci circonda e ci costituisce secondo quelle regole di razionalità che, misurandosi sui soli criteri della funzionalità e dell’efficienza, non esita a subordinare le esigenze dell’uomo alle esigenze dell’apparato tecnico.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

14 Ottobre – Ore 17.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Giuseppe Soriero presenta “Sud, vent’anni di solitudine” (Donzelli, 2014). Conversa con l’autore Stefano Soriano
Con un’immagine presa in prestito da García Màrquez, Giuseppe Soriero sintetizza bene la condizione del Mezzogiorno negli ultimi due decenni: il suo testo offre una puntuale ricostruzione dei venti anni successivi alla conclusione dell’intervento straordinario, dal 1993 ai nostri giorni, e avanza anche qualche proposta. L’autore non si rassegna allo stato di cose presente, né si lascia prendere da illusorie tentazioni revanchiste, ma continua a studiare per capire l’economia del Mezzogiorno e opera per cambiarla.
Sezione “Una Regione per Leggere”

14 Ottobre – Ore 19.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Massimo Zamboni presenta “L’eco di uno sparo – cantico delle creature emiliane” (Einaudi, 2015). Conversa con l’autore Carlo Bordone
È un giorno di febbraio del 1944 quando Ulisse, squadrista e membro di un direttorio del fascio, cade dalla bicicletta colpito alle spalle. Diciassette anni dopo, un’altra pallottola uccide il partigiano che sparò quel giorno, ma a impugnare l’arma è un compagno, un ex gappista responsabile a sua volta dell’uccisione di Ulisse. Massimo Zamboni affronta la storia piú dolorosa e rimossa della sua famiglia e si ritrova fra le mani il volto sfinito di un intero Paese, col suo eterno ripetersi di soprusi e vendette. Un memoir, un’indagine, ma soprattutto un canto appassionato in nome di tutte le creature.
Sezione “Carta Canta”

14 Ottobre – Ore 19.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Daria Colombo presenta “Alla nostra età, con la nostra bellezza” (Rizzoli, 2015). Conversa con l’autrice Stefania Mancuso
1992. È in ritardo, quel giorno, Alberta. La frangia sugli occhi e il giaccone militare addosso, ha l’aria agguerrita mentre si avvicina all’entrata dell’università Statale di Milano. Lì uno sguardo la cattura: è quello di una donna più grande di lei, Annalisa, totalmente fuori contesto nei suoi vestiti eleganti e coi capelli freschi di piega. Poche parole e un sorriso. Ma a volte l’amicizia di una vita può nascere così, da un banale scambio di appunti. Loro sono due donne agli antipodi: Albi ha l’idealismo dei vent’anni, è sicura di sé e prende tutto ciò che vuole, Lisa invece è timida, madre di un’adolescente scontrosa, moglie di un uomo anaffettivo e forse ha ripreso a studiare per noia. Tra giornate spese sui libri e caffè rubati alle rispettive esistenze, le amiche si ascoltano, si capiscono e cambiano, condividendo via via anche l’insofferenza per il clima politico di quegli anni. Sono insieme il giorno del 1994 in cui Milano si riempie di ombrelli colorati, in un grande corteo contro la Destra al potere. Poi ancora, nel 2007, a volantinare per il nuovo partito che incarnerà la speranza. Nel frattempo sono cresciute. Con matrimoni in crisi, figli che se ne vanno e bambini appena nati, con qualche compromesso ma la forza di sempre. Perché Albi e Lisa, nonostante le delusioni, le battaglie perse e le ferite, non si lasceranno più. E ognuna a modo proprio, alla sua età e con la stessa bellezza, continuerà a lottare.
Sezione “Una Regione per Leggere”

14 Ottobre – Ore 20.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Incontro con Cristina Nico, Scarda ed Emilio Sorridente. Conversano con Anna Gioia Gaglianò
Negli ultimi anni c’è stata, nel cantautorato italiano, una grande ondata che ha portato alla luce nuovi interpreti ed autori; la cosa ha riguardato, una volta tanto, anche la Calabria che è riuscita a imporre a livello nazionale, molto tempo dopo il grande successo di Rino Gaetano, il nome di Dario Brunori.
E oggi? C’è qualcuno in grado di offrire una proposta musicale che abbia respiro nazionale senza dimenticare le radici dei suoi autori? Anna Gioia Gaglianò ne parla con tre nuovi interpreti che stanno provando a portare avanti un loro percorso personale e coerente.
Sezione “Carta Canta”

14 Ottobre – Ore 21.30 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Dente presenta “Favole per bambini molto stanchi” (Bompiani, 2015). Conversa con l’autore Enrico De Angelis
Le favole di Dente “sono un universo di pianeti curiosi e impertinenti, che rifiutano la logica, giocano con la morale, rovesciano le leggi della fisica e della sintassi”. Eppure, come accade nella vita di tutti i giorni, “i personaggi che li abitano si innamorano e si odiano, si parlano e non si capiscono, sono fragili e un po’ spietati, ma soprattutto ridono molto, rimanendo serissimi”.
Sezione “Carta Canta”

GIOVEDI’ 15 OTTOBRE

15 Ottobre – Ore 9.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
“Re pepe e il tesoro ritrovato”. In occasione della pubblicazione della doppia edizione integrale delle Fiabe e novelle calabresi di Letterio Di Francia (Donzelli editore, 2015). Intervengono Mario Bozzo, Bianca Lazzaro, Armando Vitale e Vito Teti; coordina Carmine Donzelli. Letture dal vivo di Daniela Vitale
C’era una volta la punta dello stivale, l’estremo lembo della penisola che come un forziere ha custodito gelosamente per quasi un secolo 61 fiabe dialettali venute nei secoli a mettere radici in mezzo agli aranceti, tra le cicale e le zagare, strette tra due mari pescosi di storie. E lo stupore è grande nel ritrovarle ora, per la prima volta tradotte in italiano, intatte nel loro ammaliante e capriccioso rimescolamento di echi delle Mille e una notte non meno che delle storie dei paladini, o di quelle dei Grimm, di Pitrè, di Perrault e di tutta la migliore tradizione fiabesca e popolare. Come diceva Calvino, sono fiabe «ricche di motivi originali e rari», che vengono oggi restituite ai lettori piccoli e grandi cui si rivolge l’incontro a Palazzo Gagliardi, preziosa occasione per offrire anche agli insegnanti e agli studenti itinerari e percorsi possibili di lettura attraverso cui appropriarsi di un prezioso patrimonio della cultura calabrese, la cui importanza nell’ambito della letteratura fiabesca italiana ed europea è stata salutata con grande entusiasmo dalla critica e dalle principali testate nazionali.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

15 Ottobre – Ore 9.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Annalisa Strada presenta “Chiedilo alle cipolle!” (Mondadori, 2015). Conversa con l’autrice Domenica Cacciatore
Nevica da tre giorni, e non accenna a smettere. Del resto, il signor Peppino lo aveva detto, anzi, glielo avevano detto le cipolle: secondo un’antica usanza, una cipolla tagliata in dodici spicchi e cosparsa di sale rivela che tempo farà nel corso dei futuri dodici mesi. Le cipolle non sbagliano mai! Lamberto pensa che anche a lui servirebbe un vegetale in grado di dare consigli sicuri, per risolvere il guaio che ha combinato con i suoi migliori amici, Anselmo e Zumreta. Chissà se esiste un frutto dell’amicizia?
Sezione “Una Regione per Leggere”

15 Ottobre – Ore 9.00 – Casa Circondariale – Vibo Valentia
Incontro con Cristina Nico ed Emilio Sorridente
La musica di Cristina Nico e Emilio Sorridente sarà la protagonista del concerto dedicato agli ospiti della Casa Circondariale di Vibo Valentia, per quello che è un appuntamento fisso del Festival; questa è solo una delle molte attività, nell’ambito del protocollo d’intesa col Sistema Bibliotecario Vibonese, per promuovere la lettura tra i detenuti.
Sezione “Carta Canta”

15 Ottobre – Ore 9.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
Proiezione di “Un mondo nuovo” film tv di Alberto Negrin. Conversano Pier Virgilio Dastoli, Luca Biagi e Marilena Dattis
Nel 1941, mentre il Nazifascismo trionfava conquistando l’Europa, in una piccola isola sperduta del Mediterraneo, Ventotene, uno sparuto gruppo di giovani lì confinati dal regime fascista, elaborava un’utopia: l’idea di un’Europa libera, in pace e democratica, unita in uno stato federale. I protagonisti erano giovani uomini e donne perseguitati dal regime mussoliniano, ma eretici rispetto ai partiti e alle ideologie del resto del fronte antifascista.  Altiero Spinelli, Ernesto Rossi, Eugenio Colorni, Ursula Hirshmann e Ada Rossi nei giorni bui del trionfo del nazifascismo scrivono in segreto un libricino che ancora oggi è la pietra miliare per la costruzione dell’Europa unita: Il Manifesto di Ventotene. Il film è il racconto di questa avventura umana e intellettuale.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

15 Ottobre – Ore 10.00 –Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Giusy Staropoli Calafati presenta “Saverio Strati. Non un meridionalista ma il Meridione in sé che parla” (Disoblio, 2015). Conversa con l’autrice Ivano Tuselli
L’opera propone un originalissimo sentiero di riflessione attraverso le intense pagine della vita e della vastissima produzione letteraria di Saverio Strati. Commentando le tappe cruciali della bio-bibliografia stratiana e mettendo a fuoco la stretta interconnessione delle questioni affrontate dallo scrittore santagatese nonché la loro attualità, l’autrice sostiene che Saverio Strati incarni lo spirito del Meridione, spirito divenuto parola mediante i suoi scritti.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

15 Ottobre – Ore 11.00 –Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Don Filippo Ramondino presenta “Enrico Nicodemo, Vescovo di Mileto 1945-1953. Fides victoria nostra”, (Adhoc Edizioni – Sistema Bibliotecario Vibonese, 2015). Conversa con l’autore Michele Furci
Nei suoi quasi 8 anni di guida pastorale riuscì molto bene fino a dare una carica pastorale straordinaria ponendo segni che arrivarono ad anticipare le istanze di rinnovamento del successivo Concilio Vaticano II. Rinnovò gli uffici di Curia e dotò la diocesi di un nuovo episcopio. Ma ciò che diede impulso al rinnovamento fu soprattutto nel 1950 il Congresso Catechistico Diocesano celebrato a Vibo Valentia.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

15 Ottobre – Ore 12.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Marchiati è un modo di essere: la riscrittura aggiornata di una Calabrofobia che è uno status: Alessandro Russo presenta in anteprima, con Pino Toscano, “Marchiati 2, la vendetta” (IMPRONTE, sabbiarossa, 2015).
Si aggiunge sempre nuovo materiale a “Marchiati” – come ’ndrangheta, stampa e tv hanno inventato la nuova “calabrofobia”, libro-inchiesta sugli stereotipi costruiti a tavolino per essere dati in pasto all’opinione pubblica. Alessandro Russo continua a monitorare lo stato dell’arte degli stereotipi negativi che hanno fatto da fulcro della fortunatissima prima edizione del volume. Insieme a Pino Toscano, come lui giornalista da sempre attento ai temi verso cui hanno orientato professione e ricerca continua, esplorerà gli ultimi passi verso una calabrofobia che sembra essere in crescita continua.
Sezione “Una Regione per Leggere”

15 Ottobre – Ore 12.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
Carin McDonald presenta “L’integrazione comincia con il gusto… nella vita così come in cucina”. Introduce Giovanni Caldara
Immigrare non è facile, si abbandona la terra d’origine, il proprio popolo, la cultura, la propria casa e le abitudini. “L’integrazione comincia con il gusto” vuole condividere e sensibilizzare il lettore verso un aspetto dell’esperienza poco considerato nella quotidiana convivenza delle culture, quello che parte dalla cucina.
A seguire viaggio tra i sapori d’oriente; degustazione di cous cous.
Sezione “Nutri-Menti”

15 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Diritto alla sicurezza e sicurezza dei diritti. Intervengono Patrizio Gonnella, Mario Antonio Galati, Mario Spagnuolo. 
Il difficile equilibrio tra istanze di sicurezza, necessità di repressione del crimine e rispetto dei diritti del cittadino detenuto.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

15 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Presentazione del volume di Antonio Scuticchio “500 regole. Un manuale per partecipare alla politica” (Disoblio Edizioni, 2013), e del volume di Antonella Musitano “Sud. Tutta un’altra storia. Platì 1861: un caso emblematico di brigantaggio” (Laruffa, 2014). Conversa con gli autori Cristina Mazzei
“500 regole – un manuale per partecipare alla politica”
Non esiste verità assoluta, ma probabilità sì. E questo è il senso del libro: individuare 500 regole particolarmente ricorrenti nella storia, nello spazio e nel tempo, che sono falsificabili, però sono probabili, e quindi possono aiutare il cittadino, spesso sfiduciato, e disorientato, a riacquistare fiducia nella politica alta, ad orientarsi meglio e se il caso attraversarla o, quantomeno, a capirci qualcosa.
“Sud tutta un’altra storia. Platì 1861: un caso emblematico di brigantaggio”
La storia che affiora da ingiallite carte d’Archivio racconta un’altra verità sugli anni turbolenti e difficili dell’unificazione italiana, gli anni in cui, mentre si spegnevano gli entusiasmi, le speranze, le illusioni dei contadini meridionali, si accendeva, forte, la loro ribellione, la loro sete di riscatto e di giustizia; e spiega l’origine del divario economico tra le due parti del Paese e in che modo, attraverso l’enorme drenaggio di capitali dal sud al nord sia stato finanziato il decollo industriale di quest’ultimo.
Sezione “Una regione per Leggere”

15 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
Lorenzo Capellini presenta “Con D’Annunzio al Vittoriale” (Minerva Edizioni, 2015). Conversa con l’autore Caterina Villì
Attraverso la penna dello storico e Presidente della Fondazione “Vittoriale degli Italiani” Giordano Bruno Guerri e le fotografie di Lorenzo Capellini, il Vittoriale si svela: un magnifico complesso di edifici, vie, piazze, con un teatro all’aperto, giardini e corsi d’acqua. Fu eretto tra il 1921 e il 1938 sulle rive del lago di Garda per volere di Gabriele d’Annunzio, il Vate, a memoria della “vita inimitabile” del poeta-soldato e delle imprese degli italiani durante la Prima Guerra Mondiale.
Sezione “Una regione per Leggere”

15 Ottobre – Ore 17.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
I diritti oltre il genere. Intervengono Vladimir Luxuria e Giuseppe Cricenti. Modera Domenico Sorace
L’appartenenza al genere, ritenuta tradizionalmente un dato di natura, è rivendicata nelle società moderne come l’esito di pratiche sociali, o di atteggiamenti individuali. La tendenza  a riconoscere diritti ai singoli o alle coppie omosessuali sembra portare ad un superamento della differenza di genere. Può il diritto, in tal senso, costituire uno strumento anche di cambiamento sociale o delle visioni che la collettività manifesta sulle differenze di genere?, e ci sono limiti a questo processo?
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

15 Ottobre – Ore 17.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Luigi Lombardi Satriani presenta “Quando i giorni non erano ancora…. La figura e l’opera di Mariano Meligrana” (Il testo, 2015). Intervengono Romeo Bufalo, Fulvio Librandi, Giacinto Namia e Vito Teti
Mariano Meligrana è stato un pensatore profondo, autore di importanti e innovativi saggi demo-antropologici, docente, pubblicista, ideatore e organizzatore di iniziative politico-culturali originali e di grande coinvolgimento democratico. Questo volume ripercorre gli aspetti della sua complessa personalità, mettendone in luce i tratti salienti. L’autore di esso ha condiviso con Meligrana il suo itinerario scientifico ed esistenziale, a lui legato da vincoli intellettuali, familiari, amicali. Questo conferisce al volume il valore di una irripetibile testimonianza che restituisce con una non sopita emozione una figura e un’opera singolarmente degna di attenzione e di conoscenza critica.
Sezione “Calabria, Fabbrica di Cultura”

15 Ottobre – Ore 17.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
Stefania La Badessa presenta “Medicina naturale per la donna” (Tecniche nuove, 2015). Conversa con l’autrice Eleonora Cannatelli
Quello femminile è un mondo particolare, al tempo stesso ricco di concretezza e fugacità, contraddistinto da un fitto intreccio di emotività, fisicità e razionalità, che nasce probabilmente dal forte legame della donna con la terra, ma anche dall’inevitabile influenza che la luna esercita sull’universo femminile. L’organismo femminile è regolato ciclicamente dall’attività di alcuni ormoni, la cui produzione dipende da delicati meccanismi psichici, neurologici ed endocrini. Imparando ad utilizzare i rimedi naturali più adatti, oltre a contrastare con semplicità ed efficacia i piccoli disturbi di ogni giorno, sarà possibile contribuire al recupero di una forma psico-fisica ottimale.
Sezione “Nutri-Menti”

15 Ottobre – Ore 18.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Antonio Manzini presenta “Era di maggio” (Sellerio, 2015). Conversa con l’autore Francesco Lena
In una notte di maggio, al vicequestore Rocco Schiavone piomba addosso una rottura di decimo grado. Ma Rocco è prostrato per davvero. Una donna è morta al posto suo, la fidanzata di un amico di Roma, “seccata” da qualcuno che voleva colpire lui. E quando esce dalla depressione si butta sulle tracce di quell’assassino tra Roma ed Aosta, scavando dolorosamente nel proprio passato, alla ricerca del motivo della vendetta, un viaggio nel tempo che è come una ferita che si apre su una piaga che non ha ancora smesso di sanguinare. Però i problemi sono solo cominciati.
Sezione “Una Regione per Leggere”

15 Ottobre – Ore 18.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Enzo Gentile presenta “Lontani dagli occhi. Vita, sorte e miracoli di artisti esemplari” (Laurana Editore, 2015). Conversa con l’autore Carlo Bordone
L’autore ripercorre e approfondisce le vite e le storie personali di Buscaglione, Ciampi, Endrigo, Ferrer e Pagani, cantautori considerati poeti, capaci di dipingere con una serie di canzoni indimenticabili un momento preciso della nostra colonna sonora, e protagonisti del costume di un’epoca dorata per il mondo italiano dello spettacolo. Cinque artisti che hanno ispirato intere generazioni di artisti, a dimostrazione del fatto che non “sono solo canzonette”.
Sezione “Carta Canta”

15 Ottobre – Ore 19.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Anna Mazzamauro presenta “Nuda e cruda” (Diamond Editrice 2014). Conversano con l’autrice Vera Bilotta e Antonietta Villella
“Nuda e Cruda” è il titolo dello spettacolo di successo di Anna Mazzamauro, diventato anche un libro. Lo scopo è quello di mostrare come liberarsi dai pregiudizi, dai principi e dagli amori guasti, come levarsi dai piedi il peso della diversità (non sono io che sono diverso, sono gli altri che sono troppo uguali) per raccontare come si impari a mostrare quel fascino struggente della donna brutta, a sentirsi come una sovrana, un’imperatrice delle brutte misure.
Sezione “Una Regione per Leggere”

15 Ottobre – Ore 19.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Pierpaolo Vettori presenta “La vita incerta delle ombre” (Elliot, 2014). Conversa con l’autore Caterina Villì
La vita incerta delle ombre è la storia del viaggio di Alessandro e Severina al lago di Malvento, verso un passato misterioso e mai rimosso, ed è anche la storia di Miranda Montelimar, una ragazza speciale che sente un’inspiegabile affinità con le strane energie che animano le rovine del tempio di Asclepio, l’edificio che, dalle rive del lago, attrae la fantasia dei ragazzi di un’Accademia Militare e delle ragazze del Collegio del Sacre Coeur. Quando, nel mezzo di un’estate torrida e sensuale, Miranda scompare e viene ritrovata priva di sensi in una radura nei pressi del tempio, la sua personalità ha subito un mutamento radicale.
Sezione “Una Regione per Leggere”

15 Ottobre – Ore 20.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Paola Turci presenta “Mi amerò lo stesso” (Mondadori, 2014). Conversa con l’autrice Francesco Lena
Il rapporto con la musica e il suo pubblico, un incidente d’auto che le segna cuore, corpo e anima ma l’aiuta a uscire da una relazione tormentata, un viaggio che le apre porte prima di allora né pensate né conosciute fanno di lei una donna che ha attraversato un periodo di luci e ombre per arrivare all’equilibrio di oggi, un equilibrio che le permette di condividere con tutti un percorso assolutamente originale e coinvolgente. Paola Turci racconta per la prima volta il proprio percorso artistico e privato con la massima sincerità nell’autobiografia “Mi amerò lo stesso”.
Sezione “Carta Canta”

15 Ottobre – Ore 21.30 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Nada conversa con Enrico De Angelis
Il responsabile artistico del Club Tenco ci accompagna alla scoperta della vita e della musica di Nada , una delle autrici e interpreti più importanti del panorama italiano; dagli esordi di cantante bambina alla consacrazione nel mondo della musica d’autore, Nada è un’artista che non ha mai smesso di ricercare e non si è mai adagiata sugli allori dei suoi successi; con lei ci sarà il chitarrista Fausto Mesolella per uno spettacolo intenso e coinvolgente.
Sezione “Carta Canta”

VENERDI’ 16 OTTOBRE

16 Ottobre – Ore 9.30 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
Assunta Morrone e Jole Savino presentano “Io e Velazquez ovvero il giallo dell’insolito quadro” (Artebambini, 2014). Conversa con l’autrice Domenica Cacciatore
Un palazzo misterioso, una nonna eccentrica, un quadro stravagante sono gli elementi di una storia gustosa e vivace. Si tratta del racconto, in chiave di leggero noir, di un ragazzino intraprendente che si muove in una cornice oscura di circostanze, tra il reale e l’immaginario. Un giallo che parte dall’arte e all’arte ritorna.
Sezione “Una Regione per Leggere”

16 Ottobre – Ore 10.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Processi migratori fra territori e riconoscimento dei diritti. Intervengono Altero Matteoli, Giovanni Burtone. Modera Carlo Colloca
Il seminario si concentrerà sul tema dei migranti e della loro incidenza sulle politiche italiane di accoglienza nei territori la cui sostenibilità ambientale dipende anche dal livello di inclusione dei cittadini stranieri e del loro rapporto con le popolazioni autoctone.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

16 Ottobre – Ore 10.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Francesca Viscone presenta “La speranza non è una terra straniera. Storie di sindaci e amministratori minacciati dalla ‘ndrangheta” (Città del Sole, 2010). Intervengono Carolina Girasole ed Elisabetta Tripodi. Modera Adriana Teti
Oltre a presentare il fenomeno delle minacce ad amministratori di ogni parte d’Italia, l’autrice ha raccolto i racconti di vita dei protagonisti cercando di capire quale fosse la loro idea di bene comune, di buona e cattiva politica, di dedizione al territorio, quale il loro rapporto con gli elettori prima e dopo gli attentati subiti e come questi ultimi abbiano sconvolto le loro vite. Gli attentati mafiosi diventano così un pretesto per denunciare la mafiosità della gente comune e l’ipocrisia borghese, ma anche per ricordare uomini e donne che hanno rischiato la vita per i bene comune
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

16 Ottobre – Ore 10.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala stampa
Laboratorio di scrittura creativa a cura di Pierpaolo Vettori dedicato agli studenti delle scuole superiori
Perché scrivere? L’importanza di utilizzare la lettura e la scrittura come arma per conoscere noi stessi e il mondo. Come scrivere? Alcune linee guida su come si dovrebbe, ma soprattutto come NON si dovrebbe, scrivere un testo letterario. Prova pratica. Utilizzando gli argomenti degli incontri precedenti, tentare di inventare un breve testo collettivo.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

16 Ottobre – Ore 11.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
L’arte del pensare. Intervengono Giorgio Marchese e Marilena Dattis
Da come nasce un’idea e dalla differenza tra idea e pensiero, con il supporto di contributi video vedremo di capire se la qualità della nostra vita dipende dalla qualità dei nostri pensieri se è possibile modificare il nostro modo di pensare per migliorare la nostra vita.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

16 Ottobre – Ore 11.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Ogni biblioteca è il centro del mondo. Con Massimo Bray ed Emilio Casalini
Massimo Bray spiega come l’attitudine alla lettura e alla conoscenza possa divenire tangibile occasione di incontro di culture e di rinascita civile, così nei piccoli centri come nelle grandi città, e illustra il ruolo delle biblioteche, specie quelle di quartiere e di paese, nell’incoraggiare quest’attitudine in particolare nelle fasce della comunità più deboli e più esposte al rischio di isolamento e disagio sociale (giovani, anziani, migranti, persone in cerca di occupazione).
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

16 Ottobre – Ore 11.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
La narrativa spezzata dalla cancellazione dei sentimenti: Paola Bottero presenta con Giap Parini “Faceboom” (STORIE, sabbiarossa, 2015), per declinare nei suoi 18 racconti l’amore ai tempi dei social
La narrazione di Paola Bottero continua ad esplorare un tema che le è molto caro: la vita in assenza di amore. Da gennaio a dicembre la vita scorre alternando un protagonista maschile ad uno femminile. Ma i veri protagonisti di Faceboom sono sempre gli stessi: un’Italia diversa ma identica a se stessa, l’ansia da social, l’assenza di amore o l’invano tentativo di comprenderne l’essenza. Nello spaccato di questa nostra società dell’apparire che ben poco spazio lascia a valori o sentimenti, la realtà  è un’implosione verso il nulla alla ricerca di un antidoto ad una solitudine patologica: il successo immediato. Anche se solo in forma di like.
Sezione “Una Regione per Leggere”

16 Ottobre – Ore 12.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Antonella Agnoli presenta “La biblioteca che vorrei” (Editrice Bibliografica 2014).
Intervengono Carlo Colloca e Anna Viteritti
Questo libro vuole guardare al futuro delle biblioteche italiane con occhi nuovi: la biblioteca è infatti ben più ricca, accogliente, intelligente di qualsiasi smartphone. A condizione che sappia provare ogni giorno che gli ideali di democrazia a cui storicamente si ispira sono reali. Se vuole contribuire ai processi di inclusione e di coesione sociale, se vuole attivare energie nella comunità, non può essere costruita e gestita ‘dall’alto': deve mettersi all’ascolto dei cittadini. Solo questo ci darà una biblioteca utile, amichevole, diversa negli spazi e nel personale, dove poter fare l’esperienza di leggere, discutere, produrre cultura insieme.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

16 Ottobre – Ore 13.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
“Il panino Gourmet”. Show Cooking di Andy Luotto affiancato dagli allevi dell’Istituto Alberghiero di Vibo Valentia. Interviene Giovanni Caldara
È un attore, uno abilissimo comunicatore che ha reso il cibo una straordinaria passione della vita. Andy Luotto ha “marchiato” su se stesso quest’amore per la cucina con un nuovo tatuaggio – una cipolla – che pare un omaggio diretto alla Calabria e al nostro festival con uno dei suoi prodotti più rappresentativi. E quella di Andy Luotto sarà proprio un’occasione gioiosa di festa in cui il celebre chef/conduttore ci guiderà in un viaggio alla scoperta dei sapori di questa terra. I salumi, i formaggi e le altre eccellenze gastronomiche calabresi fornite dalla sezione agro-alimentare di Confindustria Vibo Valentia e dal panificio artigianale di Vincenzo D’Amico di Vibo Valentia, daranno vita a dei veri e propri panini gourmet. Ed Andy Luotto, che con abilità e fantasia li preparerà, coinvolgerà direttamente il pubblico in un appuntamento divertente e goloso.
Sezione “Nutri-Menti”

16 Ottobre – Ore 15.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
“Crisi e Crasi”. Proiezione del cortometraggio di Daniela Corda. Intervengono Alfredo D’Attorre e Alessandro De Salvo
Crisi e crasi in sardo significa la crisi e il domani. Ma nel titolo c’è anche, quasi nascosto, crai che significa chiave ed è proprio la chiave di lettura offerta dalla Modern Money Theory, spiegata da su professori che renderà una giornata come tante in un bar una giornata speciale. La crisi, il domani e la chiave. Possiamo avere benessere e occupazione se sfatiamo i falsi miti dei sacrifici e dei tagli alla spesa pubblica.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

16 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Alessandro De Virgilio presenta “Le quattro giornate di Catanzaro” (Rubbettino, 2014). Conversa con l’autore Giuseppe Sarlo
Il 25 gennaio 1950 i catanzaresi occuparono le piazze per rivendicare alla loro città il riconoscimento dello status di capoluogo della Regione Calabria. Fu l’inizio di quattro giornate di mobilitazione totale che portarono alla paralisi i servizi, con la chiusura degli uffici, delle scuole e dei negozi, e il fermo dei mezzi di trasporto pubblici. Questo libro ripercorre tutta la storia della rivalità fra le città calabresi, dall’Unità d’Italia al 1950, con cenni sulle prime ipotesi regionaliste diffusesi all’indomani dell’unificazione del Paese e racconta il nascere dell’antagonismo fra Catanzaro e Reggio con la promulgazione della Costituzione repubblicana.
Sezione “Una regione per Leggere”

16 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
Elena Costa presenta il film “Le più piccole del ‘68”. Conversano con l’autrice Luca Biagi e Marilena Dattis
Il 18 giugno 1968, cinquanta giovanissime operaie occupano l’unica fabbrica di Manziana, un paese tra i boschi in provincia di Roma, per scongiurarne la chiusura. Durante l’occupazione le ragazze acquistano consapevolezza ed autonomia, attirando l’attenzione della stampa e dei sindacati. Le giovani occupanti aprono i cortei, presenziano alle più calde manifestazioni, affiancano i lavoratori di altre fabbriche in sciopero. E quando il 4 luglio una rappresentanza di donne vietnamite arriva in Italia, grazie agli sforzi del PCI, la prima tappa delle tre donne di Hanoi è proprio il piccolo laboratorio tessile occupato. Dopo trentasette giorni, tra speranze e delusioni, le operaie ottengono l’agognata vittoria. Solo pochi mesi più tardi, però, il titolare chiuderà la fabbrica come aveva da tempo stabilito. Le ragazze si disperderanno in tutta la provincia in cerca di lavoro, costruiranno vite e famiglie, portandosi sempre dietro il ricordo di quella incredibile lotta. Dopo 45 anni, le “ragazze” di nuovo insieme rievocano quei giorni…
Sezione “Calabria, Fabbrica di Cultura”

16 Ottobre – Ore 16.30 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Tommaso Cerno presenta “Inferno. La Commedia del potere” (Rizzoli Controtempo, 2013). Intervengono Giuseppe Cricenti e Wanda Ferro. Modera Sergio La Grotteria
Settecento anni dopo Dante tocca a Tommaso Cerno avventurarsi all’inferno. Ma la sua discesa è ancora più incredibile: incontra i rappresentanti della Seconda Repubblica costretti all’eterno contrappasso delle loro bassezze in vita. Fini, La Russa, Bossi e Maroni, le Olgettine, Formigoni e Fiorito, ma anche Beppe Grillo, Vendola e Bersani, fino a Berlusconi. Ad accompagnarlo un “savio gentil” che della politica italiana “tutto seppe”: Giulio Andreotti. Le varie tappe sono illustrate dalle vignette di Makkox.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

16 Ottobre – Ore 17.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Il TF2015 presenta #RACCONTInTASCA, la nuova collana narrativa di sabbiarossa ED. 
Il libro che inaugura la collana è “Storie tossiche” (RiT, sabbiarossa, 2015) di Milingo Sutera. Caterina Simoncini e Paola Bottero, editore di sabbiarossa. conversano con l’autore.
Ci sono i sette peccati capitali, le sette note, i sette colori dell’arcobaleno, i sette cieli dell’antichità, le sette virtù, i sette colli di Roma, i sette giorni della settimana. Sette sono i nani, i chakra, i dolori di Maria, i sigilli che si romperanno annunciando la fine del mondo.  Sono sette le meraviglie del mondo, le mucche di Apollo, le Pleiadi, i mesi di 31 giorni, le lettere usate per esprimere i numeri romani. E sette sono le storie tossiche. Sette ritratti, come quelli fatti dallo stesso autore, che è anche musicista ed artista eclettico, in cui la vita dei protagonisti si fonde con la sua, spada dopo spada. Ma non solo ritratti: le sette storie tossiche sono un percorso doloroso di vita. Per non dimenticare. Per pagare, come scrive Cristiano Montesano, “il debito nei confronti di tutti gli amici che se ne sono andati, mangiati e poi dimenticati da quella Palermo che nel decennio ‘85 ‘95 se la prendeva facilmente con i suoi figli più fragili”.
Sezione “Una Regione per Leggere”

16 Ottobre – Ore 18.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
La Convenzione Onu dei diritti dei fanciulli e delle fanciulle. Maria Rita Parsi conversa con Antonella Cuzzola
La Commissione Onu per i diritti dei fanciulli e delle fanciulle si occupa di far rispettare i diritti dei bambini secondo la Convenzione ONU a cui aderiscono 193 Paesi. E, in particolare, la Commissione si interessa di ribadire il superiore interesse dei minori così come recita l’art. 3 che rappresenta un importante ed eccezionale passo in avanti al fine di tutelare, comunque e ovunque, i bambini mettendo le loro esigenze al primo posto e sostenendo la necessità che essi vengano ascoltati sin dalla prima infanzia, in tutte le questioni che strettamente li riguardano con l’aiuto di esperti, operatori, mediatori culturali e psicologici.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

16 Ottobre – Ore 18.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Mauro Covacich presenta “La sposa” (Bompiani, 2014). Conversa con l’autore Alessandro Besselva Averame
Un’artista sulle strade dei Balcani in abito da sposa. Due sconosciuti in attesa di sparare durante un safari umano. Un giovane sacerdote, ignaro del suo futuro di papa, in un drammatico corpo a corpo con il desiderio. Gli attentati compiuti nei supermercati da un tranquillo padre di famiglia con la passione per gli esplosivi. Le peripezie di un cuore espiantato, in corsa verso la seconda vita. Un uomo deciso a condividere la casa con un branco di lupi. Fatti realmente accaduti che si fondono a invenzioni folgoranti e brevi digressioni autobiografiche, come la lezione di frisbee al nipotino, nella quale affiora la dolente sterilità di un’intera generazione che ha rinunciato ai figli per le proprie ambizioni personali.
Sezione “una Regione per Leggere”

16 Ottobre – Ore 19.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – SALA A
“Perché Leggere?” Lectio Magistralis di Massimo Cacciari. Introduce Eleonora Cannatelli
Sezione “Una Regione per Leggere”

16 Ottobre – Ore 20.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – SALA B
Mirco Menna presenta “118 frammenti apocrifi” (Editrice Zona 2014). Conversa con l’autore Alessandro Besselva Averame
Ecco qui 118 frammenti letterari di incerta e dubbia provenienza. Ce n’è per tutti i gusti: novelle, aforismi, dialoghi, monologhi, brani comici o drammatici, intimi o estroversi, in versi o in prosa. C’è di che ridere, piangere, riflettere o passare il tempo, specie se intorno l’agitazione impazza o non vi sentite troppo bene. Ideale per convalescenti.
Sezione “Carta Canta”

16 Ottobre – Ore 20.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – SALA C
E il gusto fu! a cura della Pasticceria Cicciò di Vibo Valentia. Interviene Giovanni Caldara
Un viaggio alla scoperta dei sapori della Calabria. Ingredienti che il mondo ci invidia – come il bergamotto – diventano, nelle mani sapienti dei cuochi, l’occasione per dare vita a un tripudio di colori e di sapori. Qui i maestri pasticceri Cicciò ci invitano in un goloso percorso multi-sensoriale, che porterà alla conoscenza di queste straordinarie materie prime, che verranno prima presentate, quindi lavorate e infine proposte da degustare in dolci indimenticabili.
Sezione “Nutri-Menti”

16 Ottobre – Ore 21.30 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – SALA A
“Parientes” il nuovo spettacolo di Peppe Servillo, Javier Girotto e Natalio Luis Mangalavite
Capita a volte di trovarsi dall’altro capo del mondo e di incontrare inaspettatamente qualcosa che ci appartiene e che forse avevamo dimenticato. Questo è successo, si direbbe, a Girotto, Servillo e Mangalavite, in particolare quando hanno riconosciuto nell’incontro una possibilità di ritorno alla propria cultura condotto senza retorica, ma giocando in prima persona la scommessa di scrivere canzoni “nuove”.
Sezione “Carta Canta”

SABATO 17 OTTOBRE

17 Ottobre – Ore 9.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – SALA C
Proiezione del film “La Bugia bianca” di Giovanni Virgilio. Dopo la Proiezione Giovanni Virglio e Carlo Colloca conversano con Luca Biagi e Marilena Dattis
La vita di Veronika è scandita da ritmi regolari e rassicuranti. Le sue giornate, infatti, si susseguono quasi sempre nello stesso modo tra Università e lezioni di violoncello, la sua grande passione. Il piccolo borgo in cui vive con i genitori, dove si conoscono tutti e in cui raramente succede qualcosa di particolare, si presta benissimo a crearle una dimensione ancora più ovattata e fuori dal tempo. Soprattutto sua madre fa di tutto perchè questo equilibrio non venga mai alterato. Ma quella della ragazza è solo una pace apparente, fatta di omissioni e verità scomode da nascondere.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

17 Ottobre – Ore 9.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala stampa
Laboratorio di scrittura creativa a cura di Pierpaolo Vettori dedicato agli studenti delle scuole superiori
Perché scrivere? L’importanza di utilizzare la lettura e la scrittura come arma per conoscere noi stessi e il mondo. Come scrivere? Alcune linee guida su come si dovrebbe, ma soprattutto come NON si dovrebbe, scrivere un testo letterario. Prova pratica. Utilizzando gli argomenti degli incontri precedenti, tentare di inventare un breve testo collettivo.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

17 Ottobre – Ore 10.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – SALA A
Carmine Abate presenta “La felicità dell’attesa” (Mondadori, 2015). Conversa con l’autore Antonella Chiappalone
Tra le pagine di questo romanzo di Carmine Abate prende forma un’indagine narrativa corale che ha il passo serrato di un giallo – e infatti ruota intorno al mistero di una morte da vendicare – ma che è soprattutto un appassionato apologo sulle partenze e i ritorni, sugli strappi e i sotterranei legami tra le generazioni, sui tempi della vita e sull’amore che può sopravvivere alla morte.
Sezione “Una Regione per Leggere”

17 Ottobre – Ore 10.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – SALA B
Mario Andreose presenta “Uomini e libri” (Bompiani, 2015). Intervengono Florindo Rubbettino e Gilberto Floriani
Decenni di vita letteraria, a leggere, incontrare, confrontarsi con scrittori che hanno segnato il ’900: da Moravia a Sciascia e Bufalino, da Eco a Thomas Mann, da Steinbeck a Faulkner, da Camus a Erica Jong a Patricia Highsmith. Scorci di storia della cultura italiana (e non solo) attraverso le vicende che hanno segnato i suoi maestri editoriali: Alberto Mondadori e Valentino Bompiani. L’esperienza di una vita nell’editoria, dalla correzione di bozze alla direzione di importanti case editrici. Scene di una vita passata a curare le parole altrui, “lavorando anche per il futuro”.
Sezione “Una Regione per Leggere”

17 Ottobre – Ore 11.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – SALA A
“La TV tra presente e futuro: differenza tra informazione e comunicazione ” Lectio Magistralis di Carlo Freccero. Introduce Giuseppe Soluri
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

17 Ottobre – Ore 11.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – SALA B
Giancarlo Parisi presenta “Processo alle fotografie. Realtà e postproduzione, una battaglia senza fine” (Leonida, 2015). Conversa con l’autore Giuseppe Bova
La selezione operata al momento dello scatto è già una scelta precisa che si completa con la scelta del momento in cui viene effettuata la ripresa. Per quanto un fotogiornalista si possa sforzare di essere obiettivo la sua non può che essere una visione parziale a prescindere, non fosse altro perché legata a doppio filo alla sua posizione fisica.  Ha quindi senso discutere dell’alterazione di un’immagine fotografica? Se ci sono mille motivi per ritenere abbastanza oziosa la questione, per altri versi si tratta di un interrogativo centrale per ogni spettatore.
Sezione “Una Regione per Leggere”

17 Ottobre – Ore 12.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – SALA C
Silvio Greco presenta “Il pesce. Come conoscerlo, amarlo, pescarlo e cucinarlo senza guasti per le specie ittiche, per noi e per l’ambiente” (Slow Food Editore, 2015). Conversa con l’autore Giovanni Choukhadarian. Durante la presentazione lo chef Bruno De Francesco preparerà una tartare di pesce
Può forse sembrare un paradosso che uno dei massimi biologi marini italiani e un fumettista di fama internazionale si siano uniti in questa impresa che parla di mercati, di cucine, di ricordi personali e, naturalmente, di scienza. A ben guardare, però, la cosa non stride, tutt’altro. Perché se è vero che abbiamo bisogno di esperti che ci guidino – e qui entra in campo Silvio Greco – là dove le nostre semplici forze di cittadini non arrivano, è altrettanto vero che fare la cosa giusta deve essere reso piacevole, bello da fare e da vedere e questo è il contributo di Sergio Staino al libro.
Sezione “Nutri-Menti”

17 ottobre – Ore 15.00 - Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia 
Geronimo Stilton presenta lo spettacolo “Grande Ritorno nel Regno della Fantasia 2”
Geronimo Stilton ha ricevuto dalla regina delle Fate l’Anello Alato, un anello di pura energia cristallizzata che dà un enorme potere a chi lo possiede. Ora questo anello è scomparso, e qualche creatura malvagia ha aperto un varco tra il Mondo della realtà e il Regno della Fantasia e vuole conquistare i due mondi. Per scongiurare questo pericolo, il Tribunale Fatillico ha deciso che Geronimo dovrà ritrovare l’Anello Alato e riportarlo alla Regina delle Fate entro una luna, cioè ventotto giorni. Inizia per Geronimo Stilton una nuova super-avventura, che gli farà incontrare tanti nuovi personaggi fantastici.

17 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
“Le bugie dei libri” a cura di Arnaldo Colasanti. Introduce Gilberto Floriani
Un itinerario fra arte e letteratura per poter raccontare il “libro” e, in un certo senso, la lettura come una condizione dell’anima in cui è possibile, per ciascuno di noi, sperimentare la cosa che più temiamo: l’errore, la bugia, la fine dell’identità – insomma la non-verità.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

17 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Cristiana Buccarelli presenta “Gli spazi invisibili” (La Quercia, 2015). Conversa con l’autrice Giulia Floriani
Gli spazi fisici di questa raccolta di racconti sono luoghi non-luoghi, confini di una consapevolezza emotiva, sono luoghi incantati come Acireale, Sant’Agata dei Goti, una comune ad Ebenau in Germania, luoghi mitici e quotidiani, testimoni di storie diverse, che si svolgono spesso in una manciata di settimane, di giorni o di ore.
Sezione “Una Regione per Leggere”

17 Ottobre – Ore 16.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
“Le istituzioni locali protagoniste nella lotta contro la povertà”. Intervengono Alessandro De Salvo, Cristina Mazzei, Sergio Rizzo e Giuseppe Fiorillo. Modera Giuseppe Borrello
Nella giornata mondiale contro la povertà, le diseguaglianze sociali e la miseria, il Coordinamento provinciale vibonese dell’associazione “Libera, nomi e numeri contro le mafie”, propone un incontro dal titolo “Le istituzioni locali protagoniste nella lotta contro la povertà”. Nel corso dell’incontro, partendo dal nuovo rapporto di Oxafam Italia sulle disuguaglianze in Europa, verranno illustrate, con il coinvolgimento dei rappresentanti delle Amministrazioni comunali che già si sono adoperate, le azioni concrete contro la povertà praticabili dalle istituzioni locali, individuate nell’ambito della campagna Miseria Ladra, promossa da Libera e Gruppo Abele.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

17 Ottobre – Ore 17.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
Gioacchino Criaco presenta in anteprima nazionale “Il saltozoppo” (Feltrinelli, 2015). Conversa con l’autore Nancy Valente
Dopo Anime nere, il suo sorprendente romanzo d’esordio, Gioacchino Criaco torna a raccontare una favola nera. Dove la vendetta è diritto di natura e il seme dell’odio coincide con il destino. Attraverso il destino di Agnese, di Julien, di Alberto e del cinese Tin, attraverso le loro stesse voci, le antiche storie dei popoli guerrieri dell’Aspromonte si intrecciano alle regole altrettanto antiche e feroci dei figli del Drago
Sezione “Una Regione per Leggere”

17 Ottobre – Ore 17.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Federico Guglielmi presenta “Manuel Agnelli. Senza appartenere a niente mai” (Vololibero Edizioni, 2015). Conversa con l’autore Eliseno Sposato
La storia di Manuel Agnelli s’intreccia inevitabilmente con quella degli Afterhours, ma non solo. Dal primo demo del 1987 a oggi, il musicista/autore milanese è comunque sempre stato il leader indiscusso della rock band più blasonata d’Italia, e “Manuel Agnelli – Senza appartenere a niente mai” ripercorre questi anni analizzando la storia degli “After” nonché tutte le esperienze parallele (artistiche, organizzative, produttive e discografiche) che scandiscono il percorso del protagonista. Non una classica biografia, bensì un ritratto veritiero e senza filtri, frutto di lunghi confronti a viso e mente aperti, al quale lo stesso Agnelli ha voluto conferire “ufficialità” con un’appassionata prefazione scritta di suo pugno.
Sezione “Carta Canta”

17 Ottobre – Ore 18.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
“Scrivere il reale, oggi” a cura di Aldo Nove. Intervengono Giap Parini, Pierpaolo Vettori; modera Lionella Maria Morano. Presentazione del volume di Aldo Nove “Un bambino piangeva” (Mondadori, 2015)
La letteratura si occupa spesso di realtà e la declina in svariate forme, dalla letteratura di reportage al “realismo magico”, ma in fondo la realtà, il reale, non sono altro che un’eterna metafora dell’esperienza umana. Perché se è vero che “Tutto ciò che è razionale è reale, tutto ciò che è reale è razionale” (Hegel), non è meno vero che “Tutto ciò che appare non è vero”; nel corso dell’incontro Aldo Nove presenterà anche la sua ultima fatica letteraria “ Un bambino piangeva”.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

17 Ottobre – Ore 18.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
“Custodire la casa comune: riflessioni intorno all’enciclica Laudato si”. Ne discutono Nicola Fiorita e Antonio Spadaro. Modera Gaetano Currà
La seconda Enciclica di Papa Francesco vuole difendere l’ambiente. Le tematiche affrontate nell’Enciclica si legano al tema dell’accesso all’acqua potabile e sicura che è un diritto umano essenziale, fondamentale e universale, e alla difesa della biodiversità (“tutte le creature sono connesse tra loro, di ognuna dev’essere riconosciuto il valore con affetto e ammirazione”). Senza dimenticare che tutto ciò richiede “un cambiamento di vita. Bisogna rafforzare la consapevolezza – Scrive il Papa nel primo capitolo – che siamo una sola famiglia umana. Non ci sono frontiere e barriere politiche sociali o che ci permettano di isolarci, e per ciò non c’è nemmeno spazio per la globalizzazione dell’indifferenza”.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

17 Ottobre – Ore 18.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala C
Giuseppe Amarelli presenta “Liquirizia. Ricettario romanzato di un’insolita radice” (Rubbettino, 2014). Conversa con l’autore Arcangelo Badolati
Questo libro, nato come semplice raccolta di ricette, è diventato, durante la sua stesura, molto di più: un piccolo romanzo autobiografico, che, ruotando attorno alla liquirizia, traccia uno spaccato dolce e nostalgico di un’antica famiglia calabrese, un racconto agile e suggestivo, che narra la saga di un’impresa familiare plurisecolare oggi nota nel mondo e descrive cos’è la liquirizia, come e da quanto tempo si produce in Calabria, quali molteplici usi se ne possono fare, e infine un ricettario classico, che propone sorprendenti ed allettanti soluzioni per impiegare la liquirizia in cucina in modo originale, facile e divertente, coi consigli di rinomati chef internazionali.
Sezione “Nutri-Menti”

17 Ottobre – Ore 19.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
“L’uomo, animale essenzialmente culturale” Lectio Magistralis di Edoardo Boncinelli. Introduce Tonino Ceravolo
Che cosa fa di noi quello che siamo? Se è vero che buona parte della nostra vita è già scritta nel nostro codice genetico, è altrettanto innegabile che le nostre esistenze sono influenzate dall’ambiente che ci circonda e da un infinito numero di elementi puramente casuali sui quali abbiamo ben poco controllo. L’interazione di questi tre fattori (genoma, ambiente e caso) genera un numero potenzialmente infinito di individualità, ma questa ricetta sembra lasciare poco spazio alle nostre scelte personali: non siamo noi a comporre il nostro Dna, incidiamo sul mondo molto meno di quanto lui incida su di noi e – inutile dirlo – la nostra volontà è pressoché impotente davanti al caso. Eppure ogni giorno facciamo, pensiamo o diciamo qualcosa che rispecchia in pieno (nel bene o nel male) la nostra unicità. E nel nostro continuo tentativo di affrancarci dall’idea di un destino immutabile abbiamo un alleato: la cultura. In questo saggio, Edoardo Boncinelli riflette sulla natura umana concentrandosi sulla pulsione che più di ogni altra ci distingue dagli animali: quella a sapere, conoscere, definire e regolamentare. E ci dimostra che la cultura scientifica e quella umanistica contribuiscono in egual misura nello sforzo collettivo di interpretare la realtà, fornendoci al tempo stesso gli strumenti per comprenderla. “Noi siamo cultura” è un richiamo a dare un senso alla nostra libertà e un invito a coltivare l’umano bisogno di trasmetterla.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

17 Ottobre – Ore 19.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala B
Flavio Giurato presenta “La scomparsa di Majorana” (2015). Conversa con l’autore Caterina Simoncini
Flavio Giurato, personaggio di culto della musica italiana d’autore, presenta il suo ultimo lavoro che si staglia tra i vertici della sua produzione e tra le opere più importanti della musica italiana recente, in un percorso che includerà anche alcune tra le pagine più luminose del suo canzoniere. Un evento unico.
Sezione “Carta Canta”

17 Ottobre – Ore 20.00 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia – Sala A
“Le meraviglie del mondo antico” Lectio magistralis di Valerio Massimo Manfredi. Introduce Maria D’Andrea
La Grande Piramide di Cheope a Giza, immensa dimora di riposo eterno per il faraone e monumento di tale titanica complessione da sfidare sotto certi aspetti l’umana comprensione: la più antica fra le Sette Meraviglie e l’unica che sopravvive ancora oggi. I Giardini Pensili sospesi sul paesaggio di Babilonia, costruiti da un grande monarca per la sposa che aveva nostalgia delle sue montagne boscose: la più evanescente delle Sette Meraviglie, quella più fantasmatica, invano cercata e inseguita da archeologi e poeti, da epigrafisti e indagatori delle antiche fonti. E poi l’Artemision di Efeso, gigantesco tempio dedicato al culto della dea Artemide, voluto dal munifico re di Lidia Creso. Il Colosso di Rodi, l’enorme statua di bronzo che sorgeva su una piccola isola in mezzo al mare. E ancora, il Mausoleo di Alicarnasso, la monumentale tomba dove riposava il satrapo Mausolo, nell’attuale Bodrum, in Turchia. Il Faro di Alessandria in Egitto, che una volta indicava la via alle mille imbarcazioni che si avvicinavano a quel porto favoloso. E la statua di Zeus a Olimpia, grandiosa creazione del mitico scultore Fidia. Sono queste le Sette Meraviglie del mondo antico. Già indicate come tali diversi secoli prima della nascita di Cristo, furono contemporaneamente visibili solo nel periodo fra il 300 e il 227 a. C; successivamente andarono a una a una distrutte per cause diverse, salvo appunto l’inattaccabile Piramide di Cheope, scalfita soltanto dalle mani distruttrici degli uomini.
Sezione “Calabria, Fabbrica di cultura”

17 Ottobre – Ore 21.30 – Palazzo Gagliardi – Vibo Valentia
Festa di chiusura. Degustazione dei gelati di Pizzo offerti dalla Gelateria Enrico
Il TF Leggere&Scrivere darà l’arrivederci all’edizione 2016 con un party finale che si terrà nell’atrio di Palazzo Gagliardi

scarica il programma